Sellare con metodo


Sellare, fa parte della gestione a terra del cavallo e rientra in quelle azioni da scuderia quotidiane, che se eseguite correttamente, diventano buone abitudini.  Fare attenzione ad alcuni particolari e adottare alcuni accorgimenti fa la differenza  ed è importante per la salvaguardia nostra e dell’animale.

Avviciniamoci al lato sinistro del cavallo e posizioniamo il sottosella sulla schiena piuttosto in avanti rispetto al garrese.  Afferriamo poi la sella con due mani e stiamo girati verso il collo del cavallo, permettendogli di annusarla se lo desidera.

Articolo-sellare-con-metodo-1

Ruotiamo ora il bacino  verso sinistra sollevando la sella verso l’alto, per adagiarla sul dorso gentilmente,  facendo attenzione che la staffa non urti contro il cavallo nel passare oltre la schiena. Una volta posizionata la sella, arretriamola leggermente nel senso del pelo. Controlliamo ora che tutte le parti della sella appoggino sul sottosella , sollevando quest’ultimo sotto l’arcione per creare uno spazio dal garrese.

Articolo-sellare-con-metodo-2

Andiamo ora sul lato destro del cavallo per sistemare il sottopancia e lasciamolo penzolare verso terra. Tornati sul lato sinistro serriamo il sottopancia quanto basta per fermare la sella, facendo almeno due giri del lattigo tra gli anelli e controlliamo che rimanga uno spazio di almeno 10-15 cm tra gli arti anteriori e la pancia del cavallo.

Articolo-sellare-con-metodo-3

Il sellaggio ora è terminato, seguiranno poi ulteriori controlli prima di salire in sella.

Con il metodo Gabrielecavalli, i cavalli imparano che stare fermi durante il sellaggio, è una loro responsabilità e insegnare questa buona abitudine può esserci utile quando non abbiamo la possibilità di legare il cavallo.

Condividi l'articolo!


Informazioni su gabrielecavallin

Tecnico federale di 2° livello di equitazione americana e trainer che per passione personale studia e pratica i metodi moderni di comunicazione con il cavallo. Le sue fonti di ispirazione sono Monty Roberts, John Lyons, Pat Parelli e Clinton Anderson in particolare, ovvero i migliori addestratori dei metodi così detti naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.