Desensibilizzazione e sensibilizzazione del cavallo-VIDEO


 

Desensibilizzare significa ridurre la reattività eccessiva nei confronti di qualcuno o qualcosa.

Sensibilizzare significa rendere il cavallo più sensibile e leggero nella risposta agli stimoli.

Due facce opposte di una stessa medaglia.

Per formare un cavallo equilibrato, non ci si può limitare a renderlo solo più confidente ma è necessario renderlo anche rispettoso e ‘pensante’.

In questo video ho voluto dare qualche spunto su alcune tecniche che utilizzo per questo tipo di lavoro da terra.

Non è importante l’età, questo lavoro inizia quando un cavallo è puledro ma va mantenuto, se necessario, per il resto della sua vita, variando il più possibile il tipo di sollecitazioni.

Spesso le persone sottovalutano le capacità del loro cavallo e tendono a giustificare tutta una serie di reazioni negative, facendone una questione di carattere dell’animale.

Credo invece che i cavalli abbiano molti meno problemi delle persone e che sappiano adattarsi velocemente alle situazioni. Con questa affermazione intendo dire che, anche se un cavallo è per natura pauroso e diffidente, riesce facilmente a vincere le sue paure se ha vicino a se un leader capace di trasmettergli sicurezza e fiducia.

Inoltre credo che spesso i cavalli usino la loro imponente mole e il loro carattere tendenzialmente pigro, per mettere in atto resistenze e riflessi di opposizione.

Anche in questo caso molte persone si adattano, pensano che sia normale, considerato le dimensioni dell’animale. Basta però pensare, al fatto di come un cavallo riesca a sentire una mosca che si appoggia sulla sua pelle, per capire che anche questa credenza non può essere plausibile.

I cavalli nonostante le grosse dimensioni, sono animali sensibili e possono rispondere a stimoli molto leggeri.

Tutto questo diventa possibile, solo quando instauriamo un rapporto di fiducia e rispetto al tempo stesso.

Condividi l'articolo!


Informazioni su gabrielecavallin

Tecnico federale di 2° livello di equitazione americana e trainer che per passione personale studia e pratica i metodi moderni di comunicazione con il cavallo. Le sue fonti di ispirazione sono Monty Roberts, John Lyons, Pat Parelli e Clinton Anderson in particolare, ovvero i migliori addestratori dei metodi così detti naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.