Come abituare il cavallo ad essere lavato con il tubo dell’acqua


Una tra le azioni più comuni nella “gestione” del cavallo in scuderia è quella di docciare, lavare o semplicemente rinfrescare il cavallo con il tubo dell’acqua.

Motivi per cui farlo:

Il motivo principale è quello di lavare il cavallo per togliere sudore, sporcizia o macchie dal manto e dai crini.

Un valido motivo è quello di rinfrescare le gambe dopo una sessione di lavoro in modo da dare sollievo e agevolarne il recupero muscolare.

Nel periodo estivo un’ulteriore motivo è quello di rinfrescare il cavallo se è troppo accaldato per evitare colpi di calore.  

Buone abitudini:

Per compiere questa operazione bisogna insegnare al cavallo a non temere l’acqua e a restare fermo di sua spontanea volontà senza dover essere necessariamente legato.

Buona norma è disporre di un posto sicuro e dedicato a questo tipo di funzione in cui il tubo sia disposto in modo ordinato, ci sia un buon scolo dell’acqua e il pavimento non sia scivoloso.

Paure:

Le paure possono essere causate dal tubo dell’acqua stesso o dalla sensazione del getto d’acqua sulla pelle, in particolare su alcune zone delicate del corpo del cavallo.

Altre volte possono essere i rumori prodotti dalla fuoriuscita dell’acqua, in particolare se il tubo ha bolle d’aria o il getto è troppo forte.

Tecniche per abituare il cavallo:

Ci sono diversi modi per abituare il cavallo a non avere paura del getto d’acqua e fargli apprezzare i benefici di un bagno rigenerante ma in questo video vediamo in particolare la tecnica di approccio e ritirata, comodità/scomodità e uso del rinforzo positivo.

Articoli correlati:

Condividi l'articolo!


Informazioni su gabrielecavallin

Tecnico federale di 2° livello di equitazione americana e trainer che per passione personale studia e pratica i metodi moderni di comunicazione con il cavallo. Le sue fonti di ispirazione sono Monty Roberts, John Lyons, Pat Parelli e Clinton Anderson in particolare, ovvero i migliori addestratori dei metodi così detti naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *